Cracovia, gioellino dell’Est Europa.

Già lo sapevo, che Cracovia mi sarebbe piaciuta, e non poco, beh devo dire che questa città nel sud della Polonia, nei miei travel wishes da anni, ha addirittura superato le mie aspettative! Si è rivelata una delle città più fotogeniche che abbia mai visto, avevo sempre camera o telefono alla mano, pronta a scattare, nonostante il freddo pungente che più volte mi ha lasciato le mani quasi paralizzate, ma sono proprio fiera dei miei scatti. 🙂

Decisimo di starci 3 giorni, direi che è il periodo ideale, il centro storico è abbastanza piccolino e girabile a piedi, nei dintorni le visite alle Miniere di Sale e ai campi di concentramento di Auschwitz-Birkenau sono d’obbligo. A voi la scelta se abbinare queste due visite fuori Cracovia in un’unica giornata oppure, come abbiamo fatto noi, in due giorni.

Il primo giorno, arrivati in mattinata, lo dedicammo alla scoperta del centro storico, considerato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco!!! Impossibile non innamorarsene a prima vista.

La città si presenta da subito molto pulita e ordinata.

Tra i MUST da vedere, sicuramente c’è la basilica di Santa Maria, che sorge nella piazza principale, in tutta la sua bellezza. La sua particolarità sono le due torri, completamente diverse tra loro.

Bellissimo anche il suo interno (anche se in restauro), ma sono comunque riuscita a fare una foto. 😉

Dall’altro lato della piazza si trova il Palazzo dei tessuti, costruito nel XIV secolo, per fungere da centro del commercio di tessuti ma, causa un incendio, nel 1555 fu quasi interamente distrutto, per essere ricostruito in seguito in stile rinascimentale.
Oggi, al suo interno si trovano un mercato adibito alla vendita di souvenirs e una galleria di pittura polacca del XIX secolo.

Proseguendo verso Sud, si va in direzione della collina di Wawel, si trova sulla riva sinistra del fiume Vistola. Essa ha un grande significato per i polacchi, poichè si trovano sia il castello che la cattedrale, dove sono sepolti i sovrani della Polonia ed è anche luogo delle incoronazioni.

Scendendo dalla collina, potrete ammirare il fantastico draghetto sputafuoco (per davvero!), Smok Wawelski. La leggenda narra che esso viveva sotto la collina di Wawel ancora prima della fondazione della città.

Una versione popolare della storia racconta che durante il regno di Re Krak, un feroce drago si aggirasse per la regione, distruggendo e divorando tutto ciò che gli passava davanti. Il re promise in sposa sua figlia a chiunque avesse ucciso il drago. Solo un povero ragazzo, di nome Szewczyk Dratewka, accettò la sfida: riempì un agnello di zolfo e lo pose di fronte alla caverna del drago che, dopo aver sbranato l’agnello, diventò talmente assetato che iniziò a bere l’acqua del fiume. Dopo averne bevuta metà, esplose. Dratewka sposò la figlia del re, come promesso.

20200104_151409

Come si nota da alcune immagini, abbiamo avuto la fortuna di vedere Cracovia ancora addobbata per le feste natalizie, nonostante fosse Gennaio. La città era un tripudio di luci, addobbi e mercatini natalizi. INCANTEVOLE ❤

Il secondo giorno, oltre alla visita ad Auschwitz-Birkenau, a cui dedicherò un post a parte, andammo alla scoperta del quartiere ebraico: Kazimierz, si trova a pochi km dal centro storico, al di là del ponte che attraversa la Vistola. E’ noto per essere stato il centro della comunità ebraica dal XIV secolo fino alla II Guerra Mondiale, fu uno delle zone maggiormente colpite dai nazisti.

La deportazione degli ebrei avveniva in una piazza, si chiamava piazza della Concordia, oggi conosciuta come piazza degli Eroi del Ghetto. Qui furono uccise più di 1000 persone, durante la deportazione del 1943. Il memoriale è composto da 68 sedie vuote, gli artisti s’ispirarono a una fotografia d’epoca, nella quale una bambina, probabilmente ignara di quanto stesse accandendo, sta trascinando una sedia (quella che si usava a scuola), durante lo spostamento di massa degli ebrei.

20200110_094704

Terminata la guerra, Kazimierz rimase uno stato talmente decadente e fu solo grazie alle riprese del film “Schidler List” che iniziò la sua ricostruzione. Oggi si presenta come un quartiere ben curato, pieno di negozietti e locali.

La mattina seguente, tornammo a vedere il quartiere ebraico con la luce del giorno, prima di avviarci alle miniere di sale di Wieliczka, una delle più antiche al mondo, situata fuori dall’area metropolitana di Cracovia. E’ stata utilizzata per l’estrazione del sale dal XIII secolo al 1996. Raggiunge una profondità di 327 metri e presenta gallerie e cunicoli, per un’estensione di 287 km totali, di cui solo 3.5 sono quelli visitabili, vale a dire meno dell’1% della lunghezza totale!

20200106_153335

Al suo interno sono presenti: statue di figure storiche e religiose, tutte scolpite dai minatori direttamente nel sale. Vi sono stanze decorate dove si tengono eventi come concerti, cappelle nelle quale ci si può sposare e laghi sotterranei.

La visita con guida (consigliata, per non perdersi all’interno delle miniere!) l’avevamo prenotata il mese prima tramite il sito GET YOUR GUIDE, l’abbiamo usato più volte e ne siamo molto soddisfatti. 😉

In conclusione: Cracovia è una città perfetta per chi ha pochi giorni a disposizione, molto economica e troppo fotogenica, grazie ai suoi scorci super graziosi.

Una città che consiglio vivamente.

Travel dreams 2020.

Eccoci arrivati all’ultimo giorno del 2019, come ogni anno tiro le somme dei viaggi fatti durante questi 12 mesi.

Quest’anno non è andato come speravo, avrei voluto fare tanti bei viaggetti, che purtroppo sono rimasti solo abbozzati nella mia mente. Ho così fatto delle gite fuori porta, tutte vicine a casa, dove però ho scoperto dei nuovi luoghi molto belli, tra i quali la Pietra di Bismantova, a soli 45 minuti da casa mia, ma che non avevo mai visto da vicino – figuriamoci salire fino in alto! Devo dire che è stata un’esperienza davvero emozionante, anche perchè da quest’anno sono diventata un po’ più sportiva, quindi anche la scarpinata per arrivare alla cima è stata davvero facile. 😉 Di solito snobbo un po’ i luoghi che non siano lontani da casa, ho però un paio di mete da non sottovalutare in mente, facilissime da raggiungere, e dove passare anche solo mezza giornata in compagnia di amici e/o travel buddy.

Non voglio scordarmi del mio viaggio, anche se è stato l’unico in tutto il 2019, fatto in occasione dei miei 30 anni, a Dubai, meta che avrei voluto vedere da un po’ e che mi ha colpito tantissimo per la sua bellezza e modernità. Vedere anche la moschea di Abu Dhabi è stato un altro travel wish esaudito: che posto da sogno, che grandezza! Sicuramente questoè  un viaggio che va fatto, almeno una volta nella vita.

Passiamo dunque ai viaggi che desidero fare nel 2020, questa volta però, rispetto agli altri 2 anni, da quando ho iniziato a scrivere i miei travel goals, cercherò di stilare una lista un po’ più breve, anche perchè ho già 3 viaggi prenotati, e che non vedo l’ora di fare.

Tra qualche giorno andrò a Cracovia, per il ponte dell’Epifania, dopo due anni che provavo ad andarci, e poi per un motivo o per l’altro restava in attesa. Sempre a Gennaio, dopo aver trovato una mega offerta Ryanair andrò per un fine settimana a Sofia, meta che non è proprio nella mia wish list, ma come potevo lasciarmi sfuggire un volo A/R di soli 20 euro? A maggio, per il ponte del primo, dopo anni e anni che dico alla mia amica che vive là che sarei andata a trovarla, beh ci vado davvero!!! Londra è una città che ho visto anni fa, mentre mi trovavo in vacanza studio nelle vicinanze, ma ne ho un ricordo minimo, avrò così modo di fare una bella full immersion, grazie anche alla mia amica e guida personale. 😉

Aspettando la conferma delle ferie chieste per questa primavera, fantastico su possibili luoghi, dove poter trascorrere qualche giorno, giusto per non farmi mancare un’altra scampagnata. xD

Le possibili mete, restando in Europa perchè per un po’ il budget permette questo, sarebbero: Lisbona, che con il suo clima mite, la rende una città perfetta, dove poter trascorrere qualche giorno per un viaggio primaverile. Vedo le foto e ne rimango estasiata.

alex-paganelli-rYVmXecm64Q-unsplash
Photo by Alex Paganelli, fonte Unsplash.

Nei miei desideri di viaggio c’è sempre Siviglia, ma ho già dato uno sguardo ai voli, che sono cari, per il periodo richiesto delle mie ferie. 😦 Ho notato però, che i voli su Malaga promettono bene, è una città a cui non avevo mai pensato prima, ma le foto sembrano interessanti, in Spagna si mangia da Dio, avrei la possibilità di parlare il mio adorato spagnolo…chissà un pensierino.

photo-1549816108-ccd7987fffa3
Fonte Unsplash.

Estate a Malta? Anche a questo posto non avevo pensato, eppure è economica, si trovano ottimi voli e alloggi a prezzi irrisori, anche a Luglio inoltrato. E fu subito nella mia lista, anche perchè il mare sembra davvero spettacolare.

dkdjfk
Fonte Unsplash.
malta
Fonte Unsplash.

Come sempre, starò a monitorare tutti i siti delle compagnie aeree e anche Flixbus, per cercare le migliori offerte, perchè l’importante è andare, ci sono tante città e luoghi da scoprire, anche lontani dai circoli turistici e poco gettonate, comunque sia io nel 2020 vorrei recuperare tutti i viaggi a cui ho rinunciato quest’anno. 😉

Ora vado a pensare alla valigia per sabato…Cracovia, ci siamo quasi!!!

 

 

 

5 mete vicine a casa, da visitare in giornata.

Buongiorno viaggiatori (pioggia a parte…quando finirà?)!!!

Oggi, vorrei proporre qualche meta alternativa e vicino a casa mia, dove poter trascorrere qualche sabato o domenica alternative, giusto per scrollarsi un po’ la routine di dosso. 😉

Scopriamole insieme.

FIRENZE

Reggio Emilia, è una buona base di partenza, per raggiungere il capoluogo toscano, grazie ai treni alta velocità, che in meno di un’ora arrivano direttamente alla stazione Santa Maria Novella. Premettendo che Firenze è una città a cui andrebbe dedicato molto più di un giorno, perchè ricca di arte sia per le opere delle città, che per i musei, ma anche un giorno per scoprirne le bellezze va più che bene, meno di 24 ore per rifarsi gli occhi e per gustare i prelibati piatti della cucina toscana. Io l’adoro, ci sono stata tantissime volte e non sono mai abbastanza, tanto che a giugno vi è in programma un’altra capatina. ❤

VERONA

Altra città splendida, che ho avuto modo di visitare tanto tempo fa, in gita scolastica, ma che vorrei tornare assolutamente a vedere. Anche per raggiungere la città i collegamenti da Reggio Emilia sono buoni (ricordate che nonostante abbia la patente, preferisco muovermi in treno!). In questo momento, magari con una giornata più soleggiata farei volentieri una belle passeggiata per le vie del centro veronese, famosa per essere la città di “Romeo e Giulietta“. In un giorno si possono visitare tantissime attrazioni: da Piazza Brà con la sua stupenda Arena, a Piazza delle Erbe, che è la più antica della città e alla vicina casa di Giulietta. Ovviamente ce ne sono tantissime altre, che meritano di essere ammirate e fotografate dalla sottoscritta.

verona-2715059_960_720
Fonte Pixabay.

 FERRARA

La città delle biciclette e della famiglia degli Estensi, durante il Rinascimento, per ben 3 secoli e che le diedero l’aspetto che tutt’oggi conserva. Da vedere assolutamente il simbolo di questa ridente cittadina dell’Emilia-Romagna: il Castello Estense. La città vanta anche di un altro famoso palazzo: il Palazzo dei Diamanti, costituito da 8.500 blocchi di marmo, che costituiscono il suo bugnato. Questo palazzo ospita la  Pinacoteca Nazionale di Ferrara, che conserva una collezione storico-artistica di estimabile valore.

ferrara-1684751_960_720
By Pixabay.

 SIRMIONE, LAGO DI GARDA

Questa ridente cittadina sul Lago di Garda, è un’ottima idea di giornata e relax sul lago, ma anche di visite culturali, ad esempio quella al Castello Scaligero, edificio del XIII secolo, circondato da acqua e punto d’accesso al centro storico di Sirmione e alle Grotte di Catullo, ovvero un’antica villa romana del I secolo a.C. Per i più spericolati, nelle vicinanze si trova il parco divertimenti Gardaland.

castle-3690964_960_720
By Pixabay.

Ovviamente il Lago di Garda offre  moltissimi altri paesini affacciati sulle sue rive, da poter visitare.

 BOLOGNA

Una delle città che preferisco della regione Emilia-Romagna, oltre che davvero a un tiro di schioppo da casa. Innumerevoli le volte che già sono passata per Bologna, che oltre ad essere una bellissima città, che in molti stanno rivalutando, offre tantissime scelte per il nostro palato, viste le innumerevoli bontà culinarie! Una cosa che non ho ancora fatto però, e che vorrei finalmente sperimentare è quella di salire sulla Torre degli Asinelli e godermi il bellissimo panorama della città, per poi scendere e andare in una delle tante osterie per mangiare un buon piatto di capelletti ed infine ripartire e perdermi tra le vie del suo centro…bologna-2630373_960_720

Quali sono le città o paesini che distano pochi km da casa vostra e nei quali è possibile fare delle gite in giornata?